January 25, 2023

Cinque modi per ridurre la Carbon Footprint Digitale

Author: team-karma-metrix

La trasformazione digitale ha portato benefici nella lotta ai cambiamenti climatici, cambiando molti aspetti della nostra quotidianità. Tuttavia, il consumo digitale di oggi è tutt’altro che sostenibile e produce più CO2 del previsto.

Con Digital Carbon Footprint (impronta di carbonio digitale) si intendono “le emissioni di CO2 risultanti dalla produzione, dall’uso e dal trasferimento di dati effettuati da individui, organizzazioni o comunità”. 

Di conseguenza, il settore digitale contribuisce alla produzione di grandi quantità di anidride carbonica presenti nell’atmosfera.

Attualmente la società è in uno stato di sovraconsumo digitale che conduce a pratiche non sostenibili, soprattutto se si tiene conto della domanda e dell’offerta di energia e materiali. Inoltre, con la pandemia che ha gravemente limitato la nostra libertà di movimento costringendoci a rimanere a casa, vi è stato un forte aumento sia della domanda che della spesa dello sviluppo digitale, incrementando notevolmente la nostra impronta di carbonio.

L’impatto crescente del consumo digitale

In uno studio del 2019 intitolato “Towards Digital Sobriety” (“Verso la sobrietà digitale”) basato su dati raccolti tra il 2013 e il 2018 è stato stimato che il consumo digitale causa circa il 3,6% delle emissioni di GHG (gas serra) e aumenta ogni anno di almeno il 30%. Nel 2021 il consumo digitale ha raggiunto il 4% con una stima in aumento del 9% annuo. Nei primi mesi di blocco del 2020, l’attività internet è cresciuta di un sorprendente 40%.

Le nostre risorse digitali non vengono utilizzate in modo responsabile. 

È assolutamente fondamentale che questo problema venga affrontato sia su scala micro, a partire da singoli individui e aziende, sia a livello macro come organizzazioni affinchè adottino modalità digitali più efficienti e sostenibili, ci sono alcuni modi in cui ognuno di noi può ridurre la tua impronta di carbonio digitale, vediamoli insieme:

1. Creare contenuti brevi e concisi

Mantenere i contenuti delle pagine web brevi e di impatto dovrebbe essere preso in considerazione quando si considera la propria impronta di carbonio digitale. Meno tempo si passa leggendo e/o guardando una pagina, meno si produce in termini di emissioni di CO2. Internet ha rivoluzionato il modo in cui accediamo a dati e informazioni, rendendo qualsiasi cosa virtualmente accessibile ed a portata di mano. Ma mantenere le informazioni brevi, istantanee e precise permetterà al lettore di passare meno tempo sui dispositivi. Ciò ridurrebbe efficacemente il consumo digitale e massimizzando anche l’efficienza della comunicazione.

Inoltre, è anche importante considerare il design dei siti web. L’ottimizzazione e l’adozione di un output di progettazione web sostenibile che tenga conto di fattori come l’ottimizzazione web, il design ux, l’efficienza del server e la strategia dei contenuti aiuterà anche a ridurre l’impronta di carbonio generale dei siti web.

2. Ridurre al minimo la produzione di energia durante le riunioni aziendali

Con la pandemia di COVID-19 che colpisce il mondo costringendo le aziende e i singoli individui a fermarsi, la domanda di riunioni online è notevolmente aumentata, sia per mantenere le aziende organizzate sia per consentire alle persone di rimanere in contatto con i propri cari. Tuttavia, molti non sanno quante emissioni provocano le chiamate online e le videoconferenze. Che si tratti di una riunione su Zoom o di una call rapida su Skype, le chiamate online contribuiscono in modo determinante alla Digital Carbon Footprint. 

È stato studiato che le videoconferenze producono circa 1 kg di CO2 per sessione. Ciò è dovuto soprattutto all’accensione delle webcam. Uno studio riportato dalla rivista Forbes mostra che tenendo le webcam spente e utilizzando solo le impostazioni audio si può ridurre l’impatto di carbonio del 96% durante le videoconferenze.

3. Limitare i rifiuti elettronici causati sia da prodotti hardware che software

È sempre allettante voler sostituire un telefono obsoleto con uno nuovo. Tuttavia, preservare e prolungare la vita dei dispositivi può essere vantaggioso per l’ambiente in quanto riduce la quantità di rifiuti elettronici prodotti. In uno studio condotto dall’Università di Edimburgo è stato dimostrato che estendere la durata del computer da 4 a 6 anni potrebbe evitare l’equivalente di 190 kg di emissioni di carbonio .

Pertanto, evitando il rapido ricambio dei nostri dispositivi e scegliendo di prolungarne la durata totale dell’utilizzo può aiutare a ridurre enormi quantità di rifiuti elettronici. 

I rifiuti elettronici non si limitano solo agli apparecchi elettronici. Aziende e privati ​​ricorrono spesso a sistemi di posta elettronica per vari tipi di attività. Gli strumenti di e-mail e di comunicazione dovrebbero essere utilizzati in modo efficiente. Annullare l’iscrizione a distributori di posta elettronica indesiderati e non utilizzati, pulire regolarmente la propria casella di posta per evitare un sovraccarico di archiviazione, comprimere i dati e/o spostarli su un sistema cloud più efficiente dal punto di vista energetico ed ecologico sono modi per ridurre la propria impronta di carbonio.

4. Mantenere una mentalità green sui dispositivi elettronici

Adottare abitudini come regolare le impostazioni di alimentazione del telefono cellulare, abbassare i livelli di luminosità del monitor, bloccare la riproduzione automatica durante la visione di video o semplicemente spegnere i dispositivi (o attivare la modalità di sospensione)  quando non vengono utilizzati sono grandi passi verso l’uso consapevole del digitale. Secondo il New York Times, a seconda del modello e dello stato della batteria dei laptop, quando sono collegati, anche se completamente carichi, possono ancora assorbire circa 4,5 kilowattora di elettricità in una settimana, o circa 235 kilowattora all’anno [1].

Un altro modo per ridurre la tua impronta di carbonio digitale è disattivare il tracciamento della geolocalizzazione dei dispositivi. I sistemi GPS e i servizi di tracciamento dei dati ingeriscono enormi quantità di informazioni digitali che vengono raccolte e archiviate causando un aumento dell’impronta di carbonio digitale insieme a un aumento del rischio di violazione della privacy.

Limitando i tuoi sistemi di tracciamento dei dati puoi ridurre la tua impronta di carbonio digitale e mantenere la tua privacy sotto controllo.

5. Passare a fonti di energia rinnovabile e strumenti digitali più ecologici

Piccole fonti di energia rinnovabile come i sistemi solari elettrici ed eolici stanno diventando sempre più accessibili, convenienti e tecnologicamente avanzati sia per le aziende che per i singoli consumatori.

Oggi puoi acquistare una serie di piccoli elettrodomestici a energia verde come caricabatterie a energia solare e sistemi off-grid per aiutarti a ridurre la tua impronta di carbonio.

Il passaggio a strumenti digitali più verdi ed ecologici può anche aiutare a ridurre al minimo l’impronta di carbonio. Sia le aziende che i professionisti ricorrono a data center e fornitori di cloud per aiutare a gestire e svolgere i propri compiti e le attività, causando un consumo ad alta intensità energetica, responsabile del 5% delle emissioni digitali generali.[2]

L’Unione Europea e i suoi centri di raccoglimento dati hanno già ricercato alcune soluzioni come l’implementazione di  “cloud verdi” e sistemi di calcolo green. 

Le persone possono anche passare a motori di ricerca e app eco-consapevoli che aiutano a ridurre le emissioni di carbonio per contribuire alla riduzione dell’inquinamento digitale.

Conclusioni

È solo adottando pratiche digitali sostenibili che l’impronta di carbonio digitale può essere ridotta, dando forma a un futuro basato sulla tecnologia più verde. Per fare ciò, Karma Metrix continua a proporre la riduzione dell’impatto ambientali dei siti web di ogni azienda che ambisca a promuovere un business più sostenibile.


[1] The New York Times – Kust How Much Power Do Your Electronics Use When They Are ‘Off’? – 2016

[2]  December, 2021 – Green cloud computing – Economy up